martedì 15 maggio 2012

della bellezza


Stamattina ero al bar
a prendere un caffè
un attimo sospeso
tra una cosa e l'altra
delle solite
che puntellano la mia vita

In piedi al bancone
osservavo furtivamente
la mia immagine nello specchio
vagamente stupita
nel riconoscere ancora
me stessa
riflessa lì
in mezzo alle bottiglie
quando
accanto a me
è comparsa questa donna
spettinata
malvestita
una barbona
(senza tetto, homeless,  senza fissa dimora)
con due finte margherite
tra le mani
di un colore slavato
tendente al viola

Dopo un attimo di spiazzamento
per una focaccia che non c'era
ha ordinato un bicchiere d'acqua
e una banana
e quando la barista glel'ha data
l'ha afferrata
con mani piccole e rosse
e l'ha sbucciata
e nel farlo
la gioia ha riempito la sua faccia
tonda
buffa
da bambina
improvvisamente contenta

In passato
per lavoro
mi sono occupata
molto e a lungo
di persone come lei
di barboni
(vagabondi, clochard, senza casa)
e quando prevaleva la stanchezza
vedevo soprattutto la fatica
ed un dolore
capace di inquinare tutto
oggi invece
a rapirmi è stata la bellezza
una bellezza
autentica
inaspettata
carica di gioia
che si è accesa in un istante
regalando anche a me
un attimo felicità
e la consapevolezza
nella distanza
di essere riuscita a vedere
una persona
non una categoria
nè un problema

(e che spesso "gli altri" abitano dentro gli occhi con cui li guardiamo)

14 commenti:

  1. se dico che ti amo ti spaventi?
    no, vero?

    perché un post del genere, quello fa scaturire. l'amore.



    (grazie)

    RispondiElimina
  2. ...così profonda...un post breve ma così ricco di significato...sei una bellissima persona! :)

    RispondiElimina
  3. bello, proprio bello bello.
    grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te di essere passata di qui.
      a presto

      Elimina
  4. Riuscire a vedere le persone, sopra ogni cosa, è un pensiero meraviglioso. Parole che colpiscono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Marzia è anche un pò il modo in cui vorrei riuscire vivere
      a presto

      Elimina
  5. che dolce momento di poesia! grazie.

    RispondiElimina
  6. Arrivo qui per caso e trovo queste splendide parole che racchiudo tanto... il bello della rete è proprio lo spunto di riflessione. Anche io ho fatto volontariato con i senza tetto e per questo ho gradito le tue parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie giorgia,
      benvenuta!
      Sono mondi che non si scordano, vero?
      a presto

      Elimina
  7. E tu riesci davvero a vederle, le persone, se riesci a scrivere parole così belle, mi hai regalato un gran sorriso. Mi è capitato di sentir parlare di empatia proprio l'altro giorno, all'università, e so che per far bene il mio lavoro dovrò buttar giù tante barriere perché dovrò veramente arrivare al nocciolo delle persone che mi si sederanno davanti, qualunque sia il loro aspetto, che mi piaccia o no la loro faccia o il loro accento. Non è facile. Mi reputo una persona molto aperta e senza pregiudizi/preconcetti, ma spesso mi stupisco di piccoli comportamenti che inconsciamente vengono fuori anche da me e che non mi piacciono.Mi ha fatto bene leggere il tuo post :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! :))
      Sono certa che qualsiasi lavoro tu andrai a fare con le ersone lo farai molto bene...
      (me lo dice una certa dose di empatia curata e nutrita negli anni...)
      ciao e a presto

      Elimina